lunedì 20 agosto 2012

Budino alla fragola light (Light strawberry pudding)




A nessuno piace stare a dieta e su questo penso che sarete tutti d'accordo, d'altronde a volte si rende davvero necessario, quindi perché non cogliera come occasione per rivisitare alcune ricette in chiave light?
E' proprio quello che ho fatto oggi, visto che dopo una settimana di dieta sono un po' in astinenza da dolci! Complici le favolose fragole della Val Martello che i miei mi hanno portato ieri, di ritorno da una passeggiata fatta da quelle parti, ho deciso di preparare un budino.
In generale il budino non è un dolce fra i più calorici ma non è comunque consigliabile quando si è a dieta, se non come sgarro. Ho deciso quindi di realizzarne una versione ultra light: una porzione infatti, contiene 43 kcal!!
Subito vi chiederete che caspita posso averci messo dentro e soprattutto penserete che abbia un gusto orrendo e invece non è così: provate e vedrete! Certo, non è veluttato come un budino normale ma è molto buono e può aiutarvi a superare alla grande i momenti di crisi! Inoltre è sano e fresco: cosa volete di più? Potete prepararlo con la frutta che preferite, adattandolo così ai vostri giusti.

Due sono gli ingredienti che rendono questo budino così speciale: l'agar agar e la stevia.

L'agar agar ormai è abbastanza conosciuto: si tratta di un addensante naturale che svolge la stessa funzione della colla di pesce, che al contrario di quanto si possa pensare non è fatta con i pesci, pur avendo origini animali, e viene comunemente venduta in fogli trasparenti.
L'agar agar è completamente vegetale, infatti viene ricavato da alcune alghe, ma non temete: i vostri dolci non puzzerano né di alga né di mare! L'agar agar è infati insapore e viene comunemente venduto sottoforma di polvere.
Va fatto sciogliere in un composto bollente e si solidifica quando raggiunge la temperatura ambiente, inoltre ha il vantaggio, al contrario della colla di pesce, di poter essere sciolto e risolidificato più volte senza problemi. Un altro punto a favore di questa polverina è che consente di realizzare dolci ideali anche per i vegetariani.
Potete acquistare l'agar agar nei negozi orientali o nei negozi che vendono prodotti biologici.

La stevia sta iniziando solo recentemente a diffondersi sui nostri mercati ma sono convinta che diventerà la nuova moda di questi anni. Si tratta di un dolcificante naturale che contiene 2, 84 kcal per 100 grammi e se tenete conto che 1,5 gr corrispondono a 5 gr di zucchero capite ben che l'apporto calorico è del tutto trascurabile.
Si può affermare che la stevia sia il nuovo aspartame, senza però tutte le controindicazioni legate a quest'ultimo. La stevia viene prodotta infatti tramite un processo di infusione delle foglie della stevia ( una pianta che proviene dal Sud America) cui segue un processo di disidratazione per poter rendere il prodotto simile allo zucchero in termini di consistenza e aspetto. So tuttavia che la stevia viene venduta anche in forma di sciroppo denso, che però non saprei dirvi come usare.
Potete trovare la stevia nei supermercati, vicino a zucchero e altri dolcificanti.


Dopo avervi annoiati con tutte queste informazioni, vi lascio alla ricetta. Prima però vi ricordo che il blog ha una paginetta su facebook e un profilo su twitter e che da alcuni giorni a questa parte ho iniziato a postare ricette che qui non vedrete a causa del poco tempo o dell'impossibilità di preparare delle foto di qualità. Potete accedere a questi spazi cliccando sui relativi banner che trovate nella colonna destra del blog!



Ingredienti (per 3 budini):

300 gr di fragole
200 gr di latte scremato
3 gr di agar agar
7,5 gr di stevia


Ho lavato le fragole e ho tolto loro il picciolo. Ho frullate le fragole con il minipimer, quindi ho aggiunto il latte e la stevia. Se volete un consistenza meno rustica, filtrate le fragole frullate. In questo caso però, dovrete aumentare le dosi.
Ho versato il composto in una pentolino e ho fatto bollire. Quando ha iniziato a bollire, ho aggiunto l'agar agar e ho lasciato cuocere per circa 1 minuto, mescolando.
Ho versato il budino in 3 contenitori e ho messo in frigo per un paio d'ore.


Nobody likes to diet and I think that you'll all agree on this point, but sometimes it's really necessary, so why not seize the opportunity to revisit some recipes in a light version?
That's exactly what I did today, considering that after one week of idet I was having withdrawal pains from sweets!  So I decided to prepare a pudding with the strawberry of Val Martello (a place here in Alto Adige), that my parents brought me yesterday on the return from a walk.
In general, pudding is not one of the most fatty desserts but it's always best not to it eat when we are on a diet, except for a slip up. So I decided to prepare an ultra light version: one portion has only 43 kcal!!
You will immediately ask yourselves what did i put in that pudding and you will think that it has a horrible taste but it's not true: the proof is in the pudding! Obviously it isn't creamy like a normal pudding but it tastes very good and it's very good to ride over the moments of crisis! Moreover it is healthy and fresh: what more could you ask?  You can prepare it with the fruits you prefer, so you can adapt the recipe to your taste.

There are two ingredients that make this pudding so special: the agar agar and the stevia.

Now the agar agar is quite well known: it's a natural thickening agent, which serves the same function of the fish-glue. The fish glue, is not made of fish, although it's of animal origin, and it's usually sold in gelatine leaves.
The agar agar is complitely vegetable, infact it's obtained from an alga, but don't worry: your desserts will not smell of alga or sea! Agar agar is flavourless and is usually sold inthe shape of powder.
Agar agar must be dissolved in a boiling mixture and it thickens when it reaches room temperature. Moreover it can be dissolved and thickened again and again without problems and it's optimal to prepare desserts for vegetarians.
You can buy agar agar in oriental shops or in shops where they sell organic food.

It's not a long time that we can find stevia in our markets but I'm shure that it will be the new trend of the next years. It is a natural sweetener which has 2,84 kcal for 100g and if you consider 1,5g correspond to 5g of sugar, you can well understand that the calorie intake is unimportant.
We can say that the stevia is the new aspartame, without all the contraindications. Stevia is obtained through an infusion process of the leaves of the stevia ( a plant of Sud America) and a following process of dehytration, that makes the stevia similar to sugar in consistency and aspect. I know that stevia is sold in the shape of syrup but I don't know how to use it.
You can find stevia in supermarkets, near to sugar and sweetener.

After having bored you with all these informations, I let you to the recipe. But before I want you to remember that the blog is on facebook and twitter and there are few days that I post recipes that you will not see here, because of the little time thtat I have or of the law quality of the photos. You can acces to these pages clicking on the respective banners that you find in the pillar on the right side.


Ingredients (makes 3):

300g of fresh strawberries
200g of skimmed milk
3g of agar agar
7,5g of stevia

I washed the strawberries and removed the stalks. I blended the strawberries with a minipimer, then I added milk and stevia. If you prefer a less rustic consistency, filter the blended strawberries. In this case however, you have to increase the amount.
I pourred the mixture in a saucepan and boiled it. When it began to boil, I added the agar agar and cooked for 1 minute, mixing.
I pourred the pudding in 3 pots and put them in the fridge for 2 hours.

14 commenti:

  1. Gaia mi salvi la vita... o almeno... salvi la vita di mio marito (il Martirio).
    Mi sono imposta la dieta e, ancora prima di cominciare, sono idrofoba perchè so che dovrò sacrificare il dolce.
    Dopo aver letto la tua ricetta sono RINATA per due motivi: il primo (banale) potrò non rinunciare al dolce; il secondo (geniale) potrò usare finalmente l'Agar Agar che mi guarda implorante dalla dispensa dopo che, due mesi orsono, lo acquistai in un momento di quelli locomproadessochepoinonlotrovopiù!
    Ti dirò poi che della Stevia sto leggendo moltissimo in questo periodo e ho assaggiato dei gelati buonissimi dolcificati con questo prodotto.
    Ergo: G R A Z I E E E E !!!
    Te lo grida una donna rotonda, la sua dietologa e il Martirio che verrà risparmiato!
    A presto.
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Nora, mettiamola così: se si parte con l'idea che debba sapere di gelato o saint honoré si rimarrà delusi, ma volendo un dolcino un po' più gustoso di uno yogurt allora sicuramente questo è appagante :) l'importante è usare frutta matura e profumata!
      Se lo fai fammi sapere se ti piace :) io lo spero!
      un bacio

      Elimina
  2. Ciao Gaia, grazie mille per le info sull'agar agar, non l'ho ancora mai provato ma lo farò al più presto, anche perché a volte la colla di pesce può dare problemi... Questo budino è delizioso, poi dopo le scorpacciate fatte in vacanza qualcosa di light ma ugualmente goloso è perfetto! Complimenti, buona settimana! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati Valentina, non è troppo semplice trovare info sull'utilizzo in cucina dell'agar agar in effetti ;) Per le gelatine che vanno scaldate è l'ideale! baci

      Elimina
  3. Deve essere prprio buono...complimenti! bell'idea!

    RispondiElimina
  4. Ho letto il mese scorso su Riza della Stevia, l'ho vista al supermercato ma non ho osato acquistarla, a volte hanno un disgustoso retrogusto i dolcificanti...ma se tu me la consigli la provo di certo, il bello è che si può cuocere vero? di solito è proibita la cottura... baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena, guarda io su internet avevo letto che la stevia ha un vago retrogusto di liquirizia ma io sinceramente non l'ho sentito neanche un po' e conta che io odio la liquirizia. Sulla confezione non c'è alcun riferimento all'impossibilità di quocerla e anzi, sul sito della marca che ho utilizzato, ci sono ricette realizzate anche al forno quindi direi che puoi usarla tranquillamente :)

      Elimina
  5. bellooooo....io ho la colla di pesce come mi regolo con le quantità???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A occhio direi 9-10 gr di colla di pesce :)

      Elimina
  6. che bella idea! eh si che io da questa settimana effettivamente dovrei stare a dieta (se non fosse poi che ieri sera mia mamma mi ha fatto i fagottini ripieni di gorgonzola fritti e la focaccia con le cipolle... la adoro!! :)). bacino, sere

    RispondiElimina
  7. bellissimo questo budino, leggero, naturale e perfetto con questo caldo tropicale!

    complimenti per il blog, l'ho scoperto da poco per caso ma ho già sbirciato altre tue ricette, tutte bellissime! brava! mi sono anche aggiunta ai lettori fissi :)
    da pochissimo ne ho uno anch'io, passa a visitarlo se ti va!

    a presto,
    Michela

    RispondiElimina